La storia



L’Associazione Eurosport nasce a Prato nel 1998 per volontà di alcuni giovani diplomati Isef con l’intento di promuovere l’attività sportiva sul territorio toscano.

Nei primi anni di vita l’Associazione si muove essenzialmente su due fronti: l’organizzazione di campionati amatoriali di calcio a 5 (non va dimenticato che in quegli anni Prato era la capitale del calcio a 5 con la vincita anche dello scudetto e la partecipazione alla coppa dei campioni) e la promozione di settimane multi-sport con corsi di inglese per bambini/e e ragazzi/e nel periodo estivo nelle colline toscane.

Dal 2000, in collaborazione con l’AC Fiorentina, promuove gli stage di calcio estivi per bambini: tale collaborazione è ancora in atto a testimoniare la professionalità dimostrata dalla nostra realtà associativa.

Dal 2001 sono stati organizzati tornei di pallavolo e pallacanestro studenteschi per le Scuola Medie di Prato e Firenze.

Nel 2003 nascono una serie di Progetti in collaborazione con alcune associazioni locali e patrocinati dalla Regione Toscana:

  • Meeting di nuoto. Periodo  maggio- giugno  2003.  Località Firenze  presso la Piscina L. da Vinci
  • Prime vacanze- natura, sport, avventura. Periodo dal 23 giugno al 7 luglio. Località Arezzo presso il centro vacanze di Larniano, con il Patrocinio del comune di Firenze.
  • Donne per il tennis, tennis per gli anziani. Periodo 25 maggio, 6 luglio e 28 settembre 2003. Località Firenze presso il Circolo Tennis Valleverde e Prato presso il Circolo Tennis Tavola
  • Attività di base per bambini – tennis, calcio a 5, pallavolo. Periodo da febbraio a maggio e da settembre a dicembre 2003. Località Prato, Firenze, Livorno ed Arezzo presso varie palestre ed impianti sportivi locali.
  • Vivi lo sport, viva la bici. Periodo 31 maggio e 6 settembre 2003. Località Arezzo in  ambienti naturali quali la vallata del Casentino e il Parco Nazionale delle Foresti Casentinesi.

Dal 2004 l’attività si estende in Umbria, con l’apertura di una sede periferica a Perugia e vengono organizzate le prime manifestazioni interregionali di calcio a 5, calcio a 7 e calcio a 11.

Dopo i primi anni di attività organizzativa in ambito sportivo, l’attenzione si sposta anche ad altri ambiti di intervento ritenuti fondamentali per la crescita dell’individuo, soprattutto dei giovani che si avvicinavano alle nostre attività sportive.

Quindi nel 2005 l’Associazione ha deciso di promuove l’apertura di uno spazio ricreativo-culturale  permanente per bambini e ragazzi a Prato, presso i locali della propria sede, curando l’organizzazione di attività ludico ricreative in orario extrascolastico:  laboratori di pittura, giochi di miniatura, giochi di carte collezionabili, giochi di ruolo, giochi di società.

Nel 2005 nasce il progetto “Educazione allo sport, Educazione alla vita” in collaborazione col Comune di Prato, con l’obiettivo di coinvolgere in attività sportive guidate alcuni giovani cresciuti in zone “a rischio” della città. Questa collaborazione con l’Amministrazione locale ha avuto esiti positivi ed è in atto ancora oggi coinvolgendo da ottobre a luglio circa duecento ragazzi!

Negli anni 2006-2008  sono state aperte  oltre venti  sedi periferiche dell’Associazione, punto di riferimento delle numerose iniziative sviluppate sul territorio nazionale.

Il Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali con il decreto n° 199 / II /2009 comunica che l’Associazione EUROSPORT e’ iscritta al  Registro  Nazionale delle Associazioni di Promozione Sociale  col  n.157

Di particolare rilevanza segnaliamo:

  • I “Campionati amatoriali di calcio a 5”  organizzati da Eurosport che contano la partecipazione di  oltre 600 squadre in Toscana, Veneto, Emilia Romagna, Umbria, Lazio, Piemonte, Liguria, Campania. Le fasi finali nazionali si svolgono dal 2006 a Riccione e Trevi nel mese di giugno. Quest’anno sono in programma a Riccione dall’ 11 al 14 giugno e a Trevi dal 25 al 28 giugno.
  • “La Pallanuoto: salute, divertimento ed educazione” – il progetto, sviluppato dopo alcune iniziative ludico-didattiche svolte in piscina quali giochi acquatici,   corsi di nuoto per disabili e “primi passi” in acqua, è stato realizzato in Puglia in collaborazione con l’associazione Mediterraneo Village nel periodo novembre 2007 – aprile 2008 e si è ripetuto l’anno successivo.
  • “Primi calci in compagnia”: percorso psicomotorio per bambini dai 4 agli 8 anni in collaborazione con le scuole materne ed elementari. – Iniziativa nata nel 2007 con lo scopo di coinvolgere i bambini e le loro famiglie in un percorso educativo in ambito sportivo. L’iniziativa è stata promossa Firenze, Prato, Perugina e Taranto. Parallelamente ai corsi motori è stato promosso un ciclo di incontri per genitori e dirigenti sportivi.
  • Ciclo di incontri “I figli e lo sport: aspettative e problematiche psicopedagogiche” – coordinatore Prof. Giuseppe Palombella  

“Lo sviluppo motorio nel bambino: rispettiamo i loro tempi.”

relatore: Prof.ssa Fiammetta Chilleri 

 

“Vittorie e sconfitte: errori di prospettiva.” - relatrice Pedagogista Dott.sa Martina Neri

 

“Meglio secondi che ladri!? Etica sportiva nello sport giovanile”  - relatore All. Gianfranco Gori
Località di svolgimento: Firenze, Perugia, Arezzo, Trevi.
Periodo di svolgimento: ottobre 2007 – giugno 2008

 

“Dai un calcio alle difficoltà”: manifestazione rivolta a ragazzi disabili, realizzata in collaborazione con ASD Opes Arezzo e col patrocinio della Provincia di Arezzo. L’iniziativa si è svolta nel mese di Maggio 2008 ad Arezzo presso U.T. Chimera. Quest’anno verrà ripetuta nel mese di giugno.

“Iniziative culturali”:

Visite guidate al Museo del Calcio di Coverciano - Firenze – sono state realizzate 3 visite:

  • 29 settembre 2007 per gli associati del centro Italia
  • 23 febbraio 2008 per gli associati del sud Italia
  • 19 aprile 2008 per gli associati del nord Italia

“Corsi di formazione”:

  • Corso di aggiornamento per allenatori di calcio –  relatori: All. Duccio Righetti, Prof. Quaglietti Fabrizio,  prof. Ettore Iorio
    Località: Margherita di Savoia (FG), lunedì 26 maggio 2008
  • Corso di formazione per dirigenti sportivi – in collaborazione con Olimpiagest - relatori: Prof. Fiori Suzzi , Dott. Riccardo Zappi
    Località:  Imola (BO), 11/10/2008 ; Genova, 8/11/2008; Napoli, 29/11/2008.
  • Corso di formazione per animatori per centri estivi - relatori: Prof.ssa Barbara Mannucci, Dott. Giuseppe De Falco
    Località:  Lucca, 8-9 Febbraio 2008; Verona, 22-23 Febbraio 2008; Roma, 14-15 Marzo 2008.

Dopo le iniziative promosse negli anni precedenti, a seguito dell’esperienza conseguita, dell’interesse riscontrato e della diffusione sul territorio,  l’Associazione ha deciso di sviluppare  alcuni progetti di interesse sociale a carattere nazionale, in collaborazione con le istituzioni scolastiche. Di particolare rilevanza segnaliamo: Progetto “Educare allo sport, Educare alla vita”

Il progetto  sostiene le famiglie nell’ambito educativo, con particolare attenzione al tempo libero, sostenendo i rapporti di relazione con i figli e impegnando questi in attività extrascolastiche finalizzate alla formazione ed alla crescita dei ragazzi nel periodo marzo-novembre 2008.

Il Coinvolgimento delle famiglie  in incontri  per genitori e ragazzi, presieduti da figure professionali, permetteranno  l’informazione, l’adeguamento e la condivisione degli obiettivi. Gli incontri, con scadenza mensile, sono volti a verificare il grado di interesse e partecipazione dei soggetti coinvolti, a osservare le dinamiche che si sviluppano nei vari ambiti, a confrontare l'organizzazione di  tempi, attività, metodologia.

Progetto “Sport senza frontiere” – con il patrocinio della Regione Toscana

LINEE DEL PROGETTO

Lo sport come strumento socio-educativo.

Scuola e immigrazione: verso un’azione di sostegno nell’ inserimento dei ragazzi nella società attraverso lo sport.

Con questa idea, ci sembra opportuno partire dalla scuola per avviare una campagna di promozione sportiva che porti ad una concezione e ad una consapevolezza che la pratica sportiva è un ottimo strumento per affrontare il disagio dovuto allo sradicamento dalla loro terra di origine e alle frequenti e numerose difficoltà nell’affrontare usi, costumi, e metodologie diverse da quelle del loro paese. A tale scopo abbiamo deciso di realizzare un particolare torneo di calcio a 5  caratterizzato dalla presenza in ogni squadra di almeno due ragazzi stranieri al fine di accompagnare attraverso il gioco l’integrazione con gli altri ragazzi. Periodo di svolgimento 2008-2009.

Negli ultimi anni i programmi di intervento principali dell’ associazione sono stati:

  • Integrazione di ragazzi extracomunitari attraverso iniziative mirate alla valorizzazione delle culture straniere in collaborazione con istituti scolastici, e per adulti in collaborazione con associazioni di volontariato e amministrazioni locali.
  • Sostegno della famiglia attraverso iniziative sportive e culturali mirate a supportare le famiglie durante l’orario lavorativo, impegnando i figli nel tempo extrascolastico con iniziative in ambito sportivo, culturale e didattico.
  • Progetti sportivo-educativi mirati alla prevenzione e al recupero di adolescenti a rischio di degrado sociale (alcool – droga – bullismo) intervenendo anche in quella fascia di età interessata dal drop-out sportivo.
  • Iniziative sviluppate in ambienti naturali, valorizzando così aree naturalistiche ed incentivando il recupero di aree verdi.